EuroLSJ

Domande

Domande su EuroLSJ

« Cos'è EuroLSJ? »

L, S e J sono le prime lettere più comuni della parola "lingua" in Europa. L'idea è stata originariamente ispirata dallo scambio internazionale di studenti e dai contenuti dei dizionari etimologici.

Un dizionario etimologico ben studiato può già dimostrare chiaramente la portata della diffusione internazionale delle parole - una diversità che allo stesso tempo porta l'unità in se stessa. È stato in questo contesto che la raccolta di materiale in lingua europea è stata la sfida centrale, e fino ad oggi affascinante.

Nel corso degli anni, la tecnologia che è sempre migliorata, il coinvolgimento diretto di collaboratori con varie lingue native, così come molte informazioni dagli scienziati dei congressi specialistici linguistici in Europa, ha aiutato. E l'autoesperienza delle lezioni, che sono state per lo più tenute nella lingua locale.

Oggi, EuroLSJ è un marchio registrato. Il progetto è coinvolto nel circolo di lavoro eurolinguistico di Mannheim, fondato nel 1998 da studiosi di tutta Europa.

torna all'inizio di questa pagina

« Perché europeo? - Alla fine, tutti parlano inglese! »

Per l'Europa, la lingua europea è l'originale- riflette evidentemente il suono della vita europea. Non importa chi parla dove e quanto spesso l'inglese, perché questa è una categoria qualitativa e non quantitativa. Pertanto, non c'è conflitto tra l'uso dell'inglese e il senso della lingua europea.

L'Europa è lì, dove si parlano le lingue native degli europei. Devono essere pienamente coinvolti. Allora un'Europa unita può convincere e fare un buon feeling. Dove lo spazio o il tempo non sono sufficienti per fornire tutte le lingue individuali, il materiale di lingua europea si offre come un sostituto per tutti loro insieme. Come con le informazioni sulla lingua, che non è possibile acquisire separatamente per tutte le lingue individuali. Questo è ora diventato possibile per tutti insieme dal dizionario della lingua europea.

Per inciso, nel progetto EuroLSJ, il materiale linguistico europeo è preparato in modo tale che le competenze linguistiche esistenti siano sfruttate in modo ottimale (anglo-europeismi).

torna all'inizio di questa pagina

« La Brexit non è la controprova della tesi secondo cui l'Europa sta crescendo insieme al rispetto delle lingue native dei suoi cittadini? »

Sebbene l'UE stia cercando di far rispettare la lingua madre degli inglesi contro tutti gli altri, la Gran Bretagna è diventata il primo paese a rinunciare all'UE. Brexit non è la contro-prova per affermare che la comunità è generata dalle lingue madri dei suoi membri? - Una domanda importante!

Bene, in questo caso, non puoi confrontare i britannici con gli europei del continente. Le lingue madri della maggior parte degli europei sono difficilmente imparate o parlate come lingua straniera all'estero. Pertanto, per un europeo del continente si applica: "dove la mia lingua è parlata, è nell'entroterra, è casa". Chi parla la lingua madre del partner di conversazione, anche se solo poche parole, esprime interesse per lui e il suo background e affiliazione, e da solo questo comportamento crea comunità.

Per un inglese, la situazione è completamente diversa: come conseguenza dell'Impero britannico, i popoli delle figlie dello stato anglosassone sono sorti in tutto il mondo. Un inglese può fare un viaggio mondiale senza uscire dalla sua area linguistica. Se poi gli europei vengono e parlano inglese solo come lingua straniera, è chiaro che il fattore della lingua madre non ha alcun effetto. L'attenzione si concentra sulla perdita di sovranità attraverso l'adesione all'UE. Ma questo vale solo per gli inglesi.

Per gli europei, Brexit non è quindi un motivo per dubitare che la lingua più importante d'Europa sia la lingua madre del partner di conversazione.

torna all'inizio di questa pagina

« Perché europeo? - Esiste già l'esperanto, e anche questo ha fallito! »

L'esperanto è la vecchia proposta di una nuova lingua. La lingua europea, d'altra parte, è vecchia ed è sempre esistita; solo la documentazione di questa lingua di EuroLSJ è nuova. Il numero di madrelingua dell'esperanto è vicino allo zero, quello dell'inventario delle lingue europee a 600 milioni in Europa e ancora una volta tanto all'esterno. Le cifre relative alla distribuzione per ogni singolo caso sono indicate nel dizionario, nonché nell'elenco delle parole sotto "Dizionario" su questo sito.

Il fatto che la lingua europea possa essere paragonata all'esperanto può essere perché entrambe sono registrazioni vocali che non sono assegnate a nessuna singola nazione o regione. La differenza, tuttavia, è che la registrazione dell'esperanto era basata sul principio della semplicità, mentre la registrazione della lingua europea sulla realtà. Pertanto, nel caso dell'esperanto, un dizionario è una raccomandazione, nel caso della lingua europea, è un'informazione.

torna all'inizio di questa pagina

« Si dovrebbe usare l'Europa direttamente? »

Questa domanda verrà data risposta sotto "Attività". Puoi tornare da lì a qui con la freccia "indietro" sul tuo browser.

torna all'inizio di questa pagina

« Il vocabolario contiene molte parole straniere di origine latina, la cui ampia distribuzione non è una novità! »

Sì, ancora. Ma dipende anche da dove si cerca. Dove le parole iniziano con c- o re-: ovviamente; sotto bl- e k- sembra già diverso.

Ma chiaramente: nel primo dizionario, che è destinato a dimostrare, che, e come, si può concretizzare il materiale linguistico europeo, ha indubbiamente giocato un ruolo che le parole straniere classiche di origine latina e greca erano relativamente facili da ricercare.

Era anche l'intenzione di mostrare qualcosa dal maggior numero di aree disciplinari e livelli linguistici possibili: linguaggio quotidiano, gergo tecnico, termini tecnici, da scienza, religione, politica, ecc.

Qui, le parole che derivano dalle lingue educative classiche, il latino e il greco, e che si trovano nelle singole lingue di oggi come parole straniere, hanno il vantaggio che la loro distribuzione in Europa ha una copertura particolarmente buona. Così dimostrano molto vividamente, come ogni singola lingua assimila le parole e le adatta alle sue abitudini. Pertanto, all'inizio, per familiarizzare con il soggetto, queste parole non sono così sbagliate.

Tuttavia, man mano che la ricerca sul linguaggio quotidiano progredisce, questa proporzione sarà relativizzata e verrà assunto sempre più vocabolario, proveniente da altre combinazioni di lingue.

torna all'inizio di questa pagina

« Usa solo l'alfabeto latino. La lingua europea non potrebbe anche essere scritta in caratteri cirillici o greci? »

Sì certamente. Serbo-croato è il modello: una lingua in due alfabeti con la stessa ortografia! Sarebbe anche un'opportunità per tutti gli europei acquisire familiarità con i tre alfabeti europei.

Tuttavia, io solo, non voglio inventare i nuovi caratteri, che saranno necessari per riprodurre l'ortografia europea rappresentativa in lettere cirilliche o greche.

Questo non sarà possibile senza utenti nativi dell'alfabeto cirillico e greco. Ma sono assolutamente aperto e grato per le idee in questa direzione.

torna all'inizio di questa pagina

tradotto automaticamente da Google. ultimo aggiornamento: 10.04.2019



impressum | protezione di dati

(c) EuroLSJ 2019